mercoledì 17 ottobre 2012

Se vuoi fare il figo, usa l'aneto

Avete già sentito da qualche altra parte cosa usare per fare i fighi? 
Sto parlando di "Se vuoi fare il figo, usa lo scalogno" di quel figo in tutti sensi, anche senza scalogno, che è Carlo Cracco. Perché Cracco anche se è palesemente snob, ne sa tante, secondo me tantissime, e il modo in cui parla e quello che dice, anche se è un po' elitario, lo trovo sacrosanto. Poi siamo entrambi iscritti alla stessa associazione "Uniti contro il glutammato e il brodo di dado".
Ovviamente io mi sono fiondato il libreria appena uscito per comprarlo farmelo regalare e seppur inizialmente delusissimo dalla (quasi) mancanza di fotografie (su 60 ricette ne vengono fotografate meno di 20) mi sono dovuto ricredere quando ho iniziato a leggerlo. Non solo la struttura a "livelli" che ti porta a scoprire numerose ricette anche piuttosto classiche e ti insegna a cucinarle a regola d'arte, ma anche la presenza di altrettante lezioni che ti aiutano a muovere i primi passi in quella che lui chiama la grammatica della cucina ne fa un libro di cucina davvero completo. Inoltre ogni ricetta è accompagnata da una piccola storia personale e secondo me, le sue parole ti catapultano in quella ricetta, in ciò che rappresenta e finito di leggere, il motto di Cracco "La cucina è cultura" non suona affatto inappropriato o retorico. 
Perché cucinare non vuol dire solo preparare qualcosa, casomai anche buonissimo, che poi possiamo mangiare: il vero senso secondo me sta nell'essere consapevoli di ciò che cuciniamo e del perché: cosa c'è dietro, cosa stiamo creando. Ovviamente è più difficile rapportare questo ragionamento alla cucina di tutti i giorni, che spesso, volenti o nolenti, è necessità ed un dovere più che un piacere.


Basta però parlare di cose serie e profonde, torniamo alle solite cavolate. Siccome ormai sono una star del web tipo TacchiAlti (Chi?? Ecco, appunto.) tutti mi chiedono consigli per cosa preparare o un aiuto culinario via web. Io poi spaccio sempre per mie le ricette degli altri e mi sento davvero Carlo Cracco. 
Mi manca solo la barba e le stelle Michelin. 
Ora se anche voi, volete dei consigli culinari non esitate a contattarmi perché io mi diverto un sacco e poi sono tutto il giorno in apprensione per il casino che andrete a combinare nel forno. Ovviamente, solo se siete incapaci sennò vi conviene chiedere alle vajasse moderne che passano la giornata tra dolci alla Nutella di cookaround e le puntate di La prova del cuoco. 
Il mio allievo preferito, oltre alla mia amica di Pavia che ormai fa dei dolcetti che Buddy Valastro guarda e impara, è il mio amico fotografo Salvatore. Ovviamente Salvatore è solo il suo nome d'arte, perché ama l'Italia ma viene da Los Angeles. Mi segue sempre e mi chiede sempre le ricette, vorrebbe fare il bullo e non capire quanto sono importanti le cose che gli spiego ma in realtà mi ascolta, infatti sta imparando tanto e ora diventerà un vero cuoco, qui la sua testimonianza su quanto sia migliorato in cucina. Sono davvero orgoglioso di lui.
Non preoccupatevi, perché per sicurezza gli ho fatto firmare subito un contratto per il quale non può aprire un foodblog ed è diventato il fotografo ufficiale per il nostro prossimo libro di ricette senza che il nostro editore non ancora lo sappia, perché a noi piace fare i conti senza l'oste, fasciarci la testa prima che si rompa e usare i modi di dire a spoposito. 
Passiamo però ora alla ricetta di oggi ché su questo blog dobbiamo pensare a far diventare famoso me, non i miei amici. La ricetta è liberamente ispirata ad una ricetta proposta nella finale della prima stagione di Masterchef USA. Whitney, poi vincitrice, fece un petto di pollo marinato al latticello, ma siccome io non sono a Masterchef il latticello l'ho lasciato a chi ha tempo da perdere per girare tutti i supermercati della nazione. Ho usato una marinata semplicissima con yogurt e aneto, ma come dice un classico della letteratura "L'aneto si è fermato a Eboli" e pare non sia terrone-friendly. 
Voi gente sotto il Po che dite? Secondo me fresco si trova con facilità, è solo che non fate attenzione.
La mia ricetta è abbastanza ricca, ma potete usare questa marinatura anche solo per arricchire un petto di pollo alla piastra.


POLLO CROCCANTE MARINATO ALL'ANETO SU LETTO DI SPINACI

Ingredienti:
2 fette di petto di pollo
yogurt bianco
aneto fresco
sale
1 uovo
pangrattato
fette biscottate
farina
cracker
prezzemolo
pepe
parmigiano
500gr spinaci freschi
latte
aglio
olio di semi

Preparazione:
Preparate in una contenitore ermetico la marinata con 3 cucchiai di yogurt intero, un filo d'olio, un pizzico di sale e una bella manciata di aneto fresco tritato. Mettete a marinare due fette di petto di pollo abbastanza spesse, incidendo la carne per far assorbire meglio lo yogurt, per almeno un'ora in frigo.
Preparate in un frullatore (o pestandolo a mano) il pan grattato speciale. Frullate un cucchiaio di pangrattato, un cucchiaio di farina, mezzo pacchetto di cracker e due fette biscottate. Aggiungete un manciata di prezzemolo tritato e una spolverata di aneto, sale. Prendete il pollo marinato, togliete lo yogurt in eccesso e passatelo prima nell'uovo sbattuto con un goccio di latte e poi nel pangrattato, ripetete il procedimento un'altra volta per una doppia panatura. Friggete in olio di semi ben caldo, ma senza ricoprire il pollo completamente nell'olio. Fate cuocere per circa 5' a lato, anche meno, dipende dallo spessore della carne. La panatura deve essere croccante e dorata, cuocete a fuoco medio alto per non far impregnare la panatura di olio e girate solo una volta per lato. Preparate gli spinaci a parte, in una casseruola fate appassire in un filo d'olio e uno spicchio d'aglio gli spinaci freschi lavati a fuoco basso. Togliete l'aglio prima di aggiungere gli spinaci. Quando saranno morbidi, mantecate con un po' di latte e un cucchiaio di parmigiano, aggiungete un po' di sale,potete aromatizzare con una grattata di scorza di limone. Dovranno avere un sapore delicato.



Marco

20 commenti:

  1. Ahahah! Ma che meraviglia.. mi hai fatto morire. :) Allora non esiterò a chiederti consigli, in caso mi servissero.. (scherzo, non mi picchiare!) :P
    Cracco ha ragione pienamente sul fatto che la cucina è 'cultura'.. e anche se tutti i giorni è più una necessità.. trovo che si possa fare 'cultura del cibo' anche con poche cose, semplici e sane! :) Un abbraccio, caro! Buona serata...! :)

    RispondiElimina
  2. Che bella panatura, molto consistente e sicuramente ricca di sapore!!!

    RispondiElimina
  3. me lo appunto cosi in casi sos, so che ci sei, è difficile la cucina di tutti i giorni non quando vuoi fare bella figura, idea di questo petto di pollo cosi mi piace

    RispondiElimina
  4. La fame che mi è venuta che per favore bambini in africa, levatevi.

    RispondiElimina
  5. mamma mia, ma quella crosticina è uno spettacolo. ciao kiara

    RispondiElimina
  6. ascoltavo proprio oggi l'intervista a Cracco da Linus e me la ridevo sotto i baffi....che peccato il libro con poche foto, ma come si fa???? Lui però è troppo figo, credo di essermelo pure sognato una notte...mah!!!
    E tu cosa combini??? sei sempre più pazzo e mi fai morir dal ridere ogni volta.
    Invece mi piace davvero tanto il tuo pollo su quel lettino di spinaci, ho fatto scorte di aneto in Svedia, comunque si trova facilmente anche qui.....dalla Svezia però fa più chic
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con l'aneto della Svezia sarà tutto un altro cosa! Io l'ho trovato super gustoso perché ha davvero un sapore fresco ma ricco.
      Poi con quel po' di marinata che mi è avanzata, ci ho immerso altri due petti di pollo e li ho fatti alla piastra, deliziosi anche così!

      Elimina
  7. Che bello 'sto petto di pollo! Una panatura perfetta!
    Il libro di Cracco è nella mia lista 'libri da comperare'..l'ho già sfogliato in libreria e mi è sembrato fatto davvero bene, tu mi confermi che l'impressione era corretta. Poi che dire, Cracco sarà anche un po' (tanto) snob ma sa il fatto suo ed è un piacere imparare le basi da chef di questo livello...e poi gente che razza di figo è??? Altro che George Clooney...mi hai fatto davvero ridere..grazie!
    Buona notte!!
    Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, allora mi saprai confermare appena lo compri :) lo so, però credo possa permetterselo un po' di essere snob :D adoro il suo approccio alla cucina!

      Elimina
  8. Amo i secondi semplici e soprattutto Salvatore-friendly! Uso dell'aneto a parte che ho autonomamente deciso di sostituire con le foglie di bonsai, sai com'è. la cultura del cibo.

    RispondiElimina
  9. Ahahahahaah bellissimo post :D W Cracco, insomma XD Questo pollo è delizioso e visto che mangio pollo praticamente un giorno di e l'altro pure, segno subito la ricetta, è un'ottima variante! ;) Un bacio e complimenti :)

    RispondiElimina
  10. ahahahah grazie per questa ricetta, per la recensione del libro e anche per tutti i fantastici link :D

    RispondiElimina
  11. Mamma che bello!!
    E che meraviglia questa panatura speciale!!
    E pensare che io per assurdo quel libro non lo avrei mai letto!
    Ora mi hai incuriosita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio davvero tanto di prenderlo :) ha tanti spunti e lezioni creativi

      Elimina
  12. Questo pollo è veramente invitante, complimenti!
    Mi aggiungo con piacere ai tuoi lettori!

    Ciao, Ennio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per esserti aggiunto. Speriamo che tornerai presto a farci visita :)

      Elimina
  13. Bellissimo post! Comunque sia, se vuoi, il latticello te lo puoi fare a casa sai? Besta fare il formaggio fresco (la cagliata fresca) anche solo con latte, sale e aceto bianco. Il liquido che ti avanza è latticello fresco fresco pronto per le preparazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, non ne avevo idea :) grazie per la fast-ricetta ;)

      Elimina
  14. ricettina sfiziosetta, da provare assolutamente, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  15. spettacolo di ricettina!!!! :)

    RispondiElimina

Facci sapere cosa ne pensi con un commento o lasciando un cucchiaio sotto la ricetta!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...